1° Circolo Didattico di Potenza

   
 

Il  1° Circolo

Le scuole del circolo

Documenti

Calendario scolastico
La voce dei bambini
Risorse per la didattica
Quotidiani on line
Link utili
Appuntamenti culturali
 

  

1° CIRCOLO DIDATTICO

Via del Popolo, 22 - telefax  0971 24446

85100     POTENZA

 

 

 

 


SCOPI DELLA CARTA DEI SERVIZI


a) garantire uno standard adeguato di servizio;
b) migliorare la qualità del servizio a tutti i livelli;
c) rendere trasparente, grazie ad una completa informazione, il funzionamento dell’attività scolastica;
d) definire diritti e doveri di operatori ed utenti promuovendone la responsabilità e la collaborazione.
 

 

 

 

 

 

FONTI DI ISPIRAZIONE 

 

NORMATIVA: legge 241/90 - D.P.C.M. 7.6.95 in G.U. del 15.6.95 n.138 – L 59/97, art.21 – D.L.vo 16/4/94 N°297

 

 

 

COSTITUZIONE ITALIANA

 

 

Art. 2: La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.

 

Art. 3: Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzioni di sesso, di razze, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che limitando di fatto la libertà e l’uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica sociale ed economica del Paese.

 

Art. 33: L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento.

La Repubblica detta le norme generali sull’istruzione e istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi.... omissis.

 

Art.34: La scuola è aperta a tutti. L’istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita.

I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. La Repubblica rende affettivo questo diritto con borse di studio, assegni alle famiglie ed altre provvidenze, che devono essere attribuite per concorso.

 

PRINCIPI FONDAMENTALI

 

UGUAGLIANZA

 

La scuola si impegna ad adottare ogni misura per rimuovere eventuali ostacoli che limitano la crescita culturale e la formazione degli allievi e a valorizzare le risorse e le capacità individuali.

La scuola assicura, inoltre, accoglienza e adeguato servizio a tutti gli alunni, con particolari forme di sostegno agli alunni in situazioni di svantaggio e di altro credo religioso.

Per realizzare questa pari opportunità formativa, la scuola si attiva attraverso:

- l’utilizzo di insegnanti di sostegno,

- l’utilizzo di insegnanti con ore a disposizione,

- con convenzioni sottoscritte con Enti ed Associazioni,

- con progetti formativi previsti nel P. O. F.

 

IMPARZIALITA’

 

La scuola si impegna a garantire la regolarità e la continuità del servizio, organizzando adeguatamente, nei casi di assenza del personale, la vigilanza sui minori e la sostituzione del personale, secondo quanto previsto dalla normativa vigente. Gli operatori scolastici nell’espletamento dell’attività si ispirano a criteri di obiettività ed equità (formazione delle classi, orario scolastico, valutazione).

 

ACCOGLIENZA / INTEGRAZIONE

 

La scuola organizza la sua azione didattico - educativa nel segno dell’accoglienza e dell’integrazione con particolare riguardo alla fase di ingresso delle classi prime. Riguardo

all’accoglienza si procede nel seguente modo:

  • saluto del Dirigente Scolastico o dell’insegnante coordinatore di plesso,

  • visita ai locali scolastici,

  • presentazione degli insegnanti e informazioni sulle materie di studio e sulle  attività da realizzare,

  • lettura del regolamento d’istituto,

  • presentazione dell’orario giornaliero delle lezioni.

 

Sul piano dell’integrazione, la scuola si adopera al fine di:

  • assicurare il sostegno agli alunni portatori di handicap,

  • garantire l’inserimento di eventuali alunni stranieri, nomadi o di altro credo religioso,

  • realizzare un clima di classe/sezione sereno e cooperativo,

  • prevenire e alleviare il disagio scolastico e socio - culturale;

  • integrare i portatori di handicap e i soggetti in difficoltà per la buona realizzazione del diritto allo studio e alla formazione a favore di tutti gli alunni.

 

 

 

DIRITTO DI SCELTA - OBBLIGO SCOLASTICO -  FREQUENZA

 

Nel 1° Circolo didattico di Potenza non saranno impediti l’iscrizione e il trasferimento degli alunni presso altre scuole.

La scuola si impegna a controllare la regolarità della frequenza al fine di limitare fenomeni di abbandono e di dispersione scolastica. La continuità della frequenza è sostenuta attraverso un impegno comune con la famiglia e una costante sollecitazione nei confronti dell’alunno. In caso di necessità la scuola ricorrerà ai servizi presenti sul territorio (consultorio di p.zza “XVIII Agosto”, G.L.I.P. presso il C.S.A., Amministrazione Comunale, servizi assistenziali, forze dell’ordine, ...).

 

 

 

PARTECIPAZIONE

 

La gestione della scuola avviene, nell’ambito delle disposizioni vigenti, attraverso la collaborazione di tutte le sue componenti. Si prediligono modalità organizzative che favoriscono il dialogo con la famiglia e le istituzioni presenti sul territorio.

I locali scolastici sono disponibili per la comunità locale previa autorizzazione de1 Consiglio di Circolo, che esamina di volta in volta le richieste, mentre gli spazi interni delle scuole o le palestre potranno essere utilizzate quando saranno ultimate previa convenzione con l’amministrazione comunale ed autorizzazione del Consiglio di Circolo.

 

 

 

EFFICIENZA / EFFICACIA

 

La scuola si impegna a rendere i servizi amministrativi e didattici efficaci, efficienti e trasparenti.

 

 

 

LIBERTA' DI INSEGNAMENTO

AGGIORNAMENTO DOCENTI

 

Agli insegnanti è assicurata l’autonomia delle scelte educative e didattiche purché si garantisca la formazione dell’alunno e si rispetti la sua personalità.

L’aggiornamento e la formazione costituiscono un impegno per tutto il personale scolastico, pertanto il Collegio dei docenti si impegna ad elaborare progetti sulle tematiche precedentemente concordate.