Cerbero


Home 1° Circolo di Potenza Dante Alighieri La Divina Commedia La vita e la morte Origins of English Tutti in scena! Autori

 

 

 

Mostro infernale dell'antica mitologia pagana, figlio di Tifeo ed Echidna, Cerbero era il cane di Plutone, con tre teste e coda di serpente.
Virgilio ed Ovidio o collocano a guardia dell'Averno, per impedire alle ombre di uscire ed ai vivi di entrare. Dante lo fa custode del cerchio dei golosi.

La sua cattura fu la dodicesima ed ultima fatica di Ercole.

Fra i personaggi mitologici e poetici è quello la cui caratteristica specifica è una fame mai soddisfatta.
Pur derivato dagli Inferi virgiliani, Cerbero assume connotati tipicamente medievali: è una fiera mostruosa non solo perchè ha tre teste, ma anche per i particolari umani (barba, mani, facce) sul corpo di cane.
Durante il Medioevo nella figura di Cerbero erano confluiti due simboli: quello dell'ingordigia e della voracità, e quello dell'odio e della discordia.

 

La Divina Commedia          Le caratteristiche dell'opera            Versi illustrati da Gustave Dorè          Struttura dell'Inferno          Struttura del Purgatorio          Struttura del Paradiso          Testo completo dell'opera          Riassunto dei canti          I personaggi          Fuori con lo zio Pietro

 

 

Home        1° Circolo di Potenza         Dante Alighieri        La Divina Commedia        La vita e la morte        Origins of English          Autori