Povera me, povera me,

tutto il giorno devo lavorare per tre.

Tutte le cose le vanno storte:

non son lucide le porte,

sono sporchi i pavimenti,

sono scuri gli ori e gli argenti.

I bicchieri sono bagnati,

i mobili sono impolverati,

le finestre non sono pulite,

le forchette arrugginite,

le camice mal stirate,

le calze non si sono asciugate.

Si son rotte le scodelle,

non hanno il buco le ciambelle,

il riso č crudo,

la torta si č bruciata

ed io sono disperata.

Oh! Se ci fossero la mia mamma e il mio papā!

Eppure cerco di essere:

buona, gentile, generosa

e paziente con tutti!

Via i brutti pensieri.

Un giorno la mia vita cambierā

ed inizierā la vera libertā.
 

 

 

 

Pagina precedente          Pagina successiva

 

 

1° Circolo         Cenerentola       La fiaba di Perrault       Il nostro testo teatrale       Il progetto