Pulcinella

 

 

 

 

Figura buffa e goffa; un gran naso, mascherina nera, gobba, cappello a punta, camiciotto e pantaloni bianchi.

E' una delle maschere italiane più popolari.

Probabilmente originario di Napoli: anche il suo nome sembra che derivi dal napoletano "polece" (pulce).

E' una figura essenzialmente popolare.

Impertinente, pazzerello, chiacchierone, rappresenta la personificazione del dolce far niente.

Le sue più grandi aspirazioni sono il mangiare e bere.

Pur essendo spesso fatto oggetto di pesanti bastonate, egli riesce simpatico anche ai potenti che prende in giro e inganna con amabile furbizia.

Pulcinella porta il cappello a pan di zucchero, una maschera nera con il naso adunco, cioè grosso e curvo; poi indossa un camiciotto e i calzoni molto larghi e bianchi.

Porta con sé un mandolino, sa cantare dolcemente.

Le sue scarpe sono nere e lunghe con dei calzini rosa scuro.

Ha l'abitudine di ubriacarsi e di mangiare in abbondanza; è un bastonatore, cioè picchia con il suo bastone.

E' anche buono, ma egoista, ovvero pensa solo per sé.

 



LA TARANTELLA DI PULCINELLA

Cala la sera, si ripete la scena
E Pulcinella tornando per cena
Trova ritte alla sua destra
Due cameriere con la minestra.
Mentre la moglie conversa in salotto
con la signora del piano di sotto.

I figli son già tutti nel letto,
Pulcinella sale sul tetto
E non sapendo più cosa fare
"O sole mio!" si mette a cantare.
- Mio marito è un maleducato
ignorante, volgare e stonato:
sono stufa di questa canzone
voglio la radio, la televisione,
e a quel pesce dovrà domandare
anche una villa sulla riva del mare -.